domenica 31 luglio 2022

Vite quasi parallele. Capitolo 186. Jennifer



Come era stato concordato in precedenza, la giovane lady Jennifer Burke-Roche giunse a Milano di primo mattino, avendo preferito viaggiare di notte a causa del caldo. 
Certo, se fosse stato per lei, non avrebbe mai scelto quella meta, specie a metà luglio.
Eppure era lì, con tanto di autista e automobile di lusso, col massimo dei comfort possibili, per eseguire un ordine, o meglio, una "missione", la prima davvero importante, da quando era sotto la tutela del suo Maestro, il professor Lorenzo Monterovere.
L'insigne studioso era già stato il mentore della sorella maggiore di Jennifer, e cioè Sua Grazia lady Jessica Richmond, Duchessa di Ravensbourne, presidente e principale azionista della Tessier-Ashpool Corporation, la potente multinazionale attiva nel settore farmaceutico e delle biotecnologie, all'avanguardia nello studio della genetica.
Se la gente sapesse fino a che punto si sono spinti...
Jenny preferiva non pensare a ciò che stava accadendo in quei laboratori, col benestare di tutta una serie di autorità compiacenti.
Il motivo della sua presenza a Milano rientrava, in senso lato, negli aspetti applicativi di quel "programma genetico", che era andato ben oltre i confini della scienza ufficiale.

Erano le 9.00 quando Jenny scese dall'auto blu con i vetri schermati e suonò al citofono di Palazzo Hagauer.
A rispondere fu la governante russa, la severissima Olga Fedorovna Viborskaija, che la ricevette di persona con una solennità consapevole dell'enorme prestigio e potere dei propri datori di lavoro:
<<Lady Jennifer, mi hanno detto che lei conosce l'italiano meglio dell'inglese. E' un bene: in questa casa si parlano solo l'italiano e il tedesco. Il professor Hagauer detesta l'inglese>>

Come benvenuto non era proprio il massimo, ma Jenny era stata avvertita per tempo. Non era con Hagauer che doveva parlare, bensì con sua moglie Serena Monterovere, cugina del Maestro.
<<Non c'è problema, io e le mie sorelle abbiamo trascorso la nostra infanzia in Toscana, prima che...>> si fermò un attimo <<prima dell'incidente...>>
La signora Olga annuì con aria cupa:
<<Ne sono a conoscenza. Una tragica fatalità. Mi dispiace molto>> 
Dal tono che aveva usato, sembrava che pensasse l'esatto contrario. 
Del resto nessuno aveva mai creduto che quello scontro frontale fosse avvenuto per caso, perché troppe persone a avevano tratto vantaggio dalla tragica morte di lord James Burke-Roche e di sua moglie, madame Marie Gabrielle Tessier-Ashpool, a sua volta erede dell'impero fondato dal dottor John Ashpool, medico e scienziato australiano e da sua moglie Marie-France Tessier, studiosa di biotecnologie.
Quest'ultima era deceduta per cause mai del tutto chiarite, pochi mesi dopo la morte della figlia e del genero.
Jenny e le sorelle minori erano andata a vivere presso il nonno Ashpool, uomo geniale, ma molto eccentrico e scomparso di recente in circostanze misteriose
Per motivi ufficialmente ignoti, la sorella maggiore, lady Jessica, era cresciuta con i nonni paterni, i Burke-Roche.
Olga aveva l'aria di leggerle nel pensiero:
<<Ho saputo anche della morte del dottor Ashpool, una grande perdita>>
Ancora una volta il tono era vagamente antifrastico.
Starà pensando quel che pensano tutti: i Burke-Roche mi hanno lasciato il sangue blu e i Tessier-Ashpool mi hanno lasciato i soldi.
Jenny rispose molto chiaramente:
<<Sì, il dottor Ashpool era un grande genetista e farmacologo. Mi era affezionato, ma per qualche ragione incomprensibile ha nominato erede universale lady Jessica. A noi altre sorelle minori sono rimaste solo le briciole. Se avessi avuto maggiori disponibilità economiche, di certo non sarei qui>>
Olga le rivolse un inaspettato sorriso:
<<Anch'io. Avevo una posizione di rilievo nell'apparato statale sovietico, ma dopo la caduta dell'Unione mi sono dovuta adattare. Bisogna pur tirare avanti, in qualche modo...>>
Jenny annuì:
<<Eh, sì. Mi ha tolto le parole di bocca>>
La governante tornò ad essere professionale, ma sempre con una punta di ironia:
<<E' un onore lavorare per la famiglia Hagauer. Ora, se cortesemente vuole seguirmi, le indicherò i suoi alloggi. 
La signora Hagauer le ha destinato un appartamento attiguo al suo. Anche questo è un grande onore...
La colazione sarà servita alle 10 nel salottino dell'appartamento della signora. La avvertirò io e le farò da guida.
Le chiedo di non modificare la temperatura del condizionatore: i signori Hagauer amano il freddo, e io ci sono abituata. Sono nata ad Arcangelo, sul Mar Glaciale Artico>>


Alle 10 in punto la governante bussò e condusse Jennifer "al cospetto" della signora Serena Hagauer. 
Anche se era seduta su una poltrona, sembrava comunque molto alta, statuaria, di una bellezza nordica e regale.
E' una Monterovere pura, autentica. Il loro ceppo originario era longobardo e lei sembra una Valchiria vestita da businesswoman.





Serena le porse la mano come fanno le regine, quasi si aspettasse che le baciasse l'anello e facesse una riverenza, ma sarebbe stato eccessivo, per cui la stretta fu leggera e rapida.
<<Finalmente ci conosciamo, Jennifer. Mio cugino Lorenzo mi ha parlato molto bene di te, e della tua infanzia>>
Jenny annuì:
<<Lui conosceva molto bene i miei genitori, forse meglio di me>>
Serena capì subito che c'era un tono leggermente polemico in quella risposta e questo era proprio ciò che sperava:
 <<Mi dispiace molto per la tua perdita. Lorenzo mi ha spiegato la dinamica dell'incidente e confesso che mi è parsa alquanto insolita>>
Jenny annuì:
<<Decisamente insolita>>
Serena annuì a sua volta:
<<Mi sono domandata spesso se la versione ufficiale sia da considerare vera. Se la risposta fosse no questo spiegherebbe molte cose. Se invece fosse sì, ne spiegherebbe altre. Ma se quella versione ufficiale fosse solo una mezza verità, allora si spiegherebbe tutto. Tu che ne pensi?>>
Jenny sorrise:
<<Credo che lei sappia già qual è la mia risposta. Il suo istinto la guida nella giusta direzione: credo si tratti di una mezza verità, signora Hagauer.>>
Serena ne fu compiaciuta e il suo tono divenne più cordiale:
<<Lo immaginavo. Ma ti prego, diamoci del tu, almeno quando non c'è mio marito. E' lui ad essere fissato con le formalità. E chiamami per nome, altrimenti mi sento vecchia.
In me troverai un'interlocutrice affidabile.
Non sono un'esperta di bon ton, nessun Monterovere lo è, ma faccio il possibile per essere gentile con chi è gentile con me, e sono anche incline alla clemenza, al contrario di alcuni miei parenti>>
Jenny sapeva bene che succedevano cose terribili ai nemici dei Monterovere:
<<Lorenzo me ne ha parlato>>
Serena la fissava, come se volesse leggere negli occhi i suoi pensieri:
<<Solo alcuni sono così. Gli altri sono solo un po' eccentrici, e questo tutto sommato può essere una cosa positiva. Alla lunga le persone normali diventano noiose. Montale li chiamava "automi" e, considerando il fatto che il conformismo viene incentivato e premiato, ironizzava amaramente tale loro spontanea adesione all'ordine costituito dicendo "forse gli automi hanno ragione". Ma ovviamente, in questa frase, c'era anche un doveroso sdegno e una punta di legittimo disprezzo verso l'omologazione e la banalità che porta al benessere i mediocri dotati di una naturale piaggeria o gli ipocriti così abituati a mentire da convincere anche se stessi. 
Lorenzo mi parlò più volte di quel verso di Montale del suo significato>>
Jenny sorrise:
<<Ne ha parlato anche con me e prima ancora mia sorella>>
Serena sentiva un "ma" sospeso nell'aria:
<<E tu cosa ne pensi?>>
La ragazza decise di essere sincera:
<<In linea di massima sono d'accordo, però credo anche che per alcuni l'anticonformismo sia una posa per rendersi interessanti, e per altri sia un lusso dovuto al fatto che, essendo privilegiati, possono permettersi di violare impunemente le convenzioni sociali>>
La signora Hagauer annuì:
<<Una giusta osservazione. Sei davvero una ragazza intelligente. Persino più di tua sorella>>
Jenny sorrise:
<<Grazie... Tutti dicono che Jessica sia un genio, ma io la non conosco bene. A dire il vero, non è che tra me e lei ci sia mai stato un grande legame. Io e le sorelle più giovani avevamo qualcosa di più in comune, se così si può dire. Tu sai che cosa intendo...>>
Serena lo sapeva fin troppo bene:
<<Certo, e nutro delle perplessità riguardo al modo in cui l'intera vicenda è stata gestita. L'ho detto anche a Lorenzo, e lui stesso ha delle riserve, ma deve barcamenarsi col Gran Maestro Albedo ed è come camminare sul filo di una lama>>
Jenny non sapeva se fidarsi o no di quella donna:
<<Io stimo Lorenzo, è impossibile non stimarlo. Ma gli Iniziati... be', mi fanno paura. 
Il Gran Maestro Albedo in particolare. E' lui che manipola le nostre menti, che ci strumentalizza tutti>>
Gli occhi di Serena si illuminarono:
<<Sei decisamente più coraggiosa di Jessica, e del resto, come dire, "hoc erat in votis"...>>
Jenny correva un rischio tremendo, ma era la sua grande occasione per sfuggire a quel destino che era stato deciso ancor prima che lei fosse concepita:
<<Non dico che tutti gli Iniziati siano pericolosi, né che siano in malafede. Ma ho appreso molto presto che i cattivi più pericolosi non pensano di essere "cattivi", si considerano degli eroi o dei santi, dei salvatori. 
Il consigliere Albedo si sente l'eroe della propria storia, il benefattore dell'umanità intera che sarà mondata da ogni imperfezione. E in questo Grande Disegno, noi siamo solo esperimenti falliti, pedine sacrificabili per il bene della causa>>
Serena annuì:
<<Io sono stata sacrificata allo stesso modo, in gioventù, ma poi mi sono ripresa e ho sposato il professor Hagauer. L'ho fatto anche perché questo è l'incarico che ho ricevuto in quanto Iniziata di Rango Segreto. Questo titolo spetta a quegli Iniziati il cui rango, nella gerarchia dell'Ordine, è tenuto nascosto persino agli altri Iniziati, tranne una ristretta cerchia che comprende i collaboratori abituali, come Lorenzo, per esempio, e i novizi che stanno svolgendo una "missione" che richiede un supporto particolare, ed è il tuo caso>>
Jenny vide in quel discorso un tentativo di onestà:
<<Tramite Hagauer, tu controlli Milano. Può essere divertente. Ma non capisco perché io debba controllare Aurora Visconti. Lorenzo mi ha detto che tu eri più adatta di lui a spiegare certe cose>>
La signora Hagauer sorrise:
<<Non credo intendesse farmi un complimento, ma non importa. Il fatto è che io ho teso una trappola non tanto ad Aurora, che ai miei occhi è irrilevante, quanto ad una sua amica, una modella giapponese di nome Ayami Mizuhara, appartenente alla famiglia che controlla un potente zaibatsu nel campo dell'elettronica avanzata: il loro scopo è arrivare a costruire un'Intelligenza Artificiale. Non sarà facile, ma so che sono molto più avanti della scienza ufficiale, un po' come la Tessier-Ashpool è più avanti nella ricerca genetica>>
Il discorso si faceva interessante e Jenny "drizzò le orecchie":
<<Ah, finalmente qualcosa di nuovo! Potrei rivelarmi più utile di quanto tu possa immaginare, se si tratta di interagire con questo tipo di segreti. Ma non capisco come mai abbiate scelto me per un incarico così delicato>>
Serena la fissò intensamente:
<<Perché esiste un nesso tra i Mizuhara e gli eredi dei Tessier-Ashpool, e questo nesso potrebbe cambiare gli equilibri interni dell'Ordine, destituendo Albedo ed eliminando una volta per tutte la fazione degli Eterni.>>
Jenny era molto incuriosita, ma anche un po' scettica:
<<Potevate chiedere a Jessica di occuparsene>>
La signora Hagauer sospirò:
<<La Duchessa non è più affidabile. Dovrai tenere d'occhio anche lei, durante la crociera>>
La ragazza sgranò gli occhi:
<<Quale crociera?>>
Serena sbuffò:
<<Lorenzo non ti ha detto niente? Il Duca di Ravensbourne ha acquistato una villa a Portofino, dove è attualmente ormeggiato il suo yacht. I Duchi arriveranno a La Spezia col loro jet privato e attenderanno gli ospiti, tra i quali ci saranno Ayami Mizuhara, Aurora Visconti e mio nipote Roberto. Ho ottenuto un invito anche per te, Jennifer. Una settimana a Portofino e poi una crociera di un mese fino a Saint-Tropez e ritorno. Hai tutto il tempo che ti serve per scoprire cosa c'è dietro al connubio tra i Mizuhara, i Tessier-Ashpool, i Burke-Roche e i Ravernsbourne.
Hai qualche ipotesi?>>
Jenny era spiazzata, ma non voleva fare la figura della sciocca:
<<Dei miei parenti paterni, i Burke-Roche, non so quasi niente, se non che appartengono alla fazione dell'Aristocrazia Nera. Hanno un'alleanza con gli Eterni, questo è certo, dal momento che la cugina Frances Burke Roche è la madre della Principessa del Galles>>
La signora Hagauer sospirò:
<<Il Gran Maestro Albedo non ha pietà di chi sfugge al suo controllo. La situazione è molto delicata, ma questo è un altro discorso.
Ciò che conta è che, nel caso dei tuoi genitori, Albedo voleva controllare direttamente i laboratori della Tessier-Ashpool Corporation, ma tua madre Gabrielle si oppose, per questo vi trasferiste in Toscana, sperando che la fazione del Serpente Rosso non infierisse, almeno non nell'area di competenza di Lorenzo Monterovere.
Voglio che tu sappia che lui fece tutto il possibile per salvare i tuoi genitori, ma alla fine riuscì a salvare soltanto voi ragazze. Albedo voleva eliminarvi tutti, e lo vuole ancora, ma io e Lorenzo ti abbiamo preso sotto la nostra protezione: non ti accadrà nulla, ma devi aiutarci a trovare il segreto che possa abbattere il potere del Gran Maestro.
La chiave è da cercare nei misteri custoditi dai Tessier-Ashpool, i tuoi nonni materni.
Forse ti hanno detto qualcosa, Lorenzo ne è convinto, ma soltanto tu puoi riuscire a ricordare di che si tratta. Cerca dentro di te... nel profondo...>>
Non ce n'era bisogno: Jenny sapeva già qual era quella chiave:
<<C'è qualcosa, ma non ne ho mai parlato con nessuno, nemmeno con Lorenzo. Temevo che non mi avrebbe creduto e forse non mi crederai nemmeno tu. Ti sembrerà assurdo>>
Serena rise:
<<Assurdo? Non certo più assurdo di ogni Mistero che noi Iniziati custodiamo!
E' questa apparente assurdità il motivo per cui non siamo mai stati osteggiati.
Nessuno crede che esistiamo, e quindi nessuno ci osteggia!
Ma tu già lo sai>>
La ragazza annuì:
<<Lorenzo mi ha accennato qualcosa. Ora, prima di parlare, io ti chiedo: c'è che qualcosa che tuo cugino non mi ha detto ed io dovrei sapere?>>
La signora Hagauer si fece seria:
<< Vedi, lui è vincolato al segreto da una clausola di riservatezza che Albedo gli estorse con i suoi metodi astuti. Ma io ho giurato solo nelle mani del precedente Gran Maestro, il compianto lord Francis Burke-Roche, tuo bisnonno, anche lui vittima delle stesse trame del suo indegno successore.
E tra le cose che gli ho giurato c'era anche la promessa di fare tutto il necessario per proteggere i suoi discendenti, te compresa>>
Jenny si sentì rassicurata, ma non del tutto:
<<Pensavo che la protezione riguardasse solo i discendenti... come dire... naturali, e cioè lady Jessica. Ma noi sorelle minori... tu sai che cosa siamo. Non credo che ci considerasse davvero parte della famiglia>>
Serena agitò una mano come per fugare ogni dubbio:
<<Non importa quel lui pensava. Io ho giurato sulla parola "discendenti", senza specificare se si trattasse di quelli naturali o di quelli geneticamente modificati.
All'epoca i laboratori della Tessier-Ashpool Corporation non erano così evoluti come adesso e non ci fu bisogno di alcuna specificazione. 
Ora io ti ho detto la mia verità e mi aspetto che tu dica la tua, in maniera chiara ed esauriente.
Se tu conosci il segreto riguardante la sorte di Marie-France Tessier, allora io potrei aiutarti a spodestare la tua cara sorella, la Duchessa di Ravensbourne, dai vertici dell'azienda, mentre io spodesterò Albedo. E' questo il piano, e credo che si possa fare. 
Lorenzo è ormai dalla nostra parte, la famiglia viene prima di tutto, persino prima dell'Ordine. Te l'avrà detto: cose terribili accadono a chi si mette contro i Monterovere, ma come alleati siamo i più affidabili e riconoscenti sulla faccia della terra.
Quindi ora devi scegliere tra essere una pedina di Albedo o una mia alleata di eguale rango
>>
Era l'occasione che Jennifer attendeva da tutta la vita e dunque parlò:
<<E va bene! Sarò tua alleata e per dimostrarti la mia buona volontà, ti dirò il segreto che i Tessier-Ashpool hanno tenuto nascosto per anni. 
Come forse saprai, Marie-France Tessier era anche un'esperta di intelligenza artificiale, ed era quella la sua vera vocazione, più che le biotecnologie e quando gli uomini di Albedo la misero in minoranza nel consiglio d'amministrazione della Tessier-Ashpool, continuò i suoi studi in segreto, utilizzando un laboratorio di cui nemmeno suo marito era a conoscenza.
Ashpool scoprì tutto soltanto due anni fa.
Marie-France aveva previsto che Albedo volesse ucciderla e sapeva che ci sarebbe riuscito in ogni caso, e per questo decise di dare a se stessa una garanzia di immortalità.>>
La signora Hagauer sorrise:
<<Credo di incominciare a capire... sì, forse è proprio questo il nesso che stavamo cercando, l'elemento che collega Marie-France Tessier alla famiglia Mizuhara, i pionieri dell'intelligenza artificiale. Dico bene?>>
Jenny annuì:
<<Sì, io non so come ci sia riuscita, né so quale sia stato il ruolo dei Mizuhara, ma mio nonno Ashpool, prima di morire, mi disse che Marie-France era riuscita a trasferire gran parte della sua memoria in un'Intelligenza Artificiale, che opera segretamente all'interno della rete aziendale e... da quando è nato il word wide web, si è diffusa dentro di esso, come un virus, per sabotare tutte le iniziative del Gran Maestro Albedo, specialmente quelle nell'ambito della clonazione umana>>
Serena era così entusiasta che pareva brillare di luce propria:
<<Lo sapevo! Tutto combacia con le mie ipotesi! E ci scommetto la testa che sono i Mizuhara a proteggere ciò che resta di Marie-France. Sospetto che Ayami appartenga alla Fratellanza Bianca, la fazione che si oppone più duramente ad Albedo. Il Gran Maestro è sostenuto dagli Eterni, dall'Aristocrazia nera e da gran parte del Serpente Rosso. La Fratellanza Bianca è l'unica fazione che non ha votato la fiducia ad Albedo. Forse la giovane Mizuhara è qui per cercare alleati. Io appartengo a quella segreta parte del Serpente Rosso che vuole fermare Albedo, ma non posso agire in prima persona: le spie del Gran Maestro mi controllano. Ma tu sei ancora alle prime armi, ed eventuali scostamenti dal programma sono considerati nella norma per un apprendista, e vengono tollerati, specie se a compierli è qualcuno che loro considerano una propria creazione. 
Tu potresti riuscire a comunicare con Ayami, soprattutto riguardo a una questione che andrebbe approfondita.
Io so che tua nonna Marie-France riponeva speranze in te... è così, vero? E allora io mi chiedo, anzi ti chiedo: ha mai fatto cenno a un qualche segreto che potesse danneggiare Albedo?>>
Jenny capì che la sua interlocutrice sapeva quasi tutto, e ormai mancava solo un tassello per poter vedere il mosaico nella sua completezza.
<<Ho un ricordo vago di lei. Dopo l'incidente in cui persero la vita i miei genitori, vidi Marie-France una sola volta: era una donna di grande fascino, ma i suoi occhi erano tristi. Una volta le chiesi perché Jessica era andata a vivere con i Burke-Roche, e lei scosse il capo: "Non è stata una mia decisione, e nemmeno sua. Un giorno qualcuno te ne parlerà: ora è troppo presto, per te, e troppo tardi per me. Adesso ti sembrerà tutto privo di senso, ma un giorno capirai e avrai gli strumenti per fare ciò che riterrai più giusto">>
La signora Hagauer era raggiante:
<<E a quanto parte il giorno è arrivato. Ora tutto dipende da te>>

Nessun commento:

Posta un commento