giovedì 30 novembre 2017

Meaning and fictional flag of the Deep State Department in the USA

Risultati immagini per deep state

In the United States, the deep state is an alleged entity that coordinates efforts by government employees and others to influence state policy without regard for democratically elected leadership.[1][2][3] It has often been dismissed by numerous journalists and academics as a conspiracy theory.[4][5][6][7] The term, which was originally used to refer to sophisticated shadow governments in countries like Turkey and post-Soviet Russia, has also been used in American political science to refer to entrenched government institutions wielding power, without necessarily implying a conspiracy.[8][9] The term has been used in numerous published titles about the U.S. government written by, for example, Marc AmbinderDavid W. BrownPeter Dale Scott and Mike Lofgren.
The term gained popularity in some circles during the 2016 U.S. presidential election in opposition to establishment Republican and Democratic candidates and has also been used in 2017 during the Trump administration, which argues that deep states want to delegitimize the Trump presidency.[10]

Deep state was defined in 2014 by Mike Lofgren, a former Republican U.S. congressional aide, as "a hybrid association of elements of government and parts of top-level finance and industry that is effectively able to govern the United States without reference to the consent of the governed as expressed through the formal political process."[11][12]
In The Concealment of the State, professor Jason Royce Lindsey argues that even without a conspiratorial agenda, the term deep state is useful for understanding aspects of the national security establishment in developed countries, with emphasis on the United States. Lindsey writes that the deep state draws power from the national security and intelligence communities, a realm where secrecy is a source of power.[13] Alfred W. McCoy states that the increase in the power of the U.S. intelligence community since the September 11 attacks "has built a fourth branch of the U.S. government" that is "in many ways autonomous from the executive, and increasingly so."[14]
In the political journal Foreign Affairs, Jon D. Michaels discusses Trump and the deep state, and argues that the concept's relevance is quite limited in the United States. He is of the opinion that it is a more useful perspective in the study of developing countries such as Egypt, Pakistan and Turkey, "where shadowy elites in the military and government ministries have been known to countermand or simply defy democratic directives," but that "it has little relevance to the United States, where governmental power structures are almost entirely transparent, egalitarian, and rule-bound." [15]
Recent popular usage of the term has led to its appropriation by Breitbart News and other conservative and right-wing news outlets, where supporters of the Trump Administration have used it to support a variety of conspiracy theories.[16] It has been dismissed by authors for The New York Times[17] and The Observer.[18] University of Miami Professor Joseph Uscinski says, "The concept has always been very popular among conspiracy theorists, whether they call it a deep state or something else." [19]

US politics

The "deep state" has been associated with the "military–industrial complex" cited by President Dwight D. Eisenhower in his 1961 farewell address, in which he stated: "In the councils of government, we must guard against the acquisition of unwarranted influence, whether sought or unsought, by the military-industrial complex. The potential for the disastrous rise of misplaced power exists and will persist."[20] Mike Lofgren has claimed the military-industrial complex is the private part of the deep state.[21] However, Marc Ambinder says has suggested that a myth about the "deep state" is that it functions as one entity; rather, that parts of the "deep state" are "often at odds with one another."[22]
President Barack Obama's alleged lack of success of his campaign promises relating to Afghanistan war and civil liberties has been attributed by Tufts University professor Michael J. Glennon to what he calls the "double government"; the defense and national security network.[23][24] Mike Lofgren felt Obama was pushed into the Afghanistan "surge" in 2009.[25]
Donald Trump supporters use the term to refer to their allegations that intelligence officers and executive branch officials guide policy through leaking or other internal means.[26][10] According to a July 2017 report by the United States Senate Committee on Homeland Security and Governmental Affairs, "the Trump administration was being hit by national security leaks 'on a nearly daily basis' and at a far higher rate than its predecessors encountered".[27]
Donald Trump and Steve Bannon, his former chief strategist, have both made allegations about a deep state which they believe is interfering with the president's agenda.[28][29][30] Some Trump allies and right-wing media outlets have alleged that former president Barack Obama is coordinating a deep state resistance to Trump.[28][31] While the belief in a deep state is popular among Trump, his supporters and the Trump administration, critics dismiss it as a mere conspiracy theory[32] and argue that the leaks frustrating the Trump administration lack the organizational depth of deep states in other countries, and that use of the term in the U.S. could be used to justify suppressing dissent.[33][28]

See also

References

  1. Jump up^ Ambinder, Marc; Grady, D.B. (2013). Deep State: Inside the Government Secrecy Industry. Wiley. ISBN 978-1118146682.
  2. Jump up^ Michael J. Glennon (2014). "National Security and Double Government" (PDF)Harvard National Security Journal5.
  3. Jump up^ Jordan Michael Smith (October 19, 2014). "Vote all you want. The secret government won't change"The Boston Globe.
  4. Jump up^ [1]
  5. Jump up^ Michael Hafford (2017-03-09). "Deep State: Inside Donald Trump's Paranoid Conspiracy Theory"Rolling Stone. Retrieved 2017-03-13.
  6. Jump up^ Oliver Willis (2017-03-09). "The Alex Jones influence: Trump's "deep state" fears come from his conspiracy theorist ally and adviser"Salon. Retrieved 2017-03-13.
  7. Jump up^ "'Deep State' is the latest US conspiracy theory you need to know about"New Zealand Herald. 2017-03-10. Retrieved 2017-03-13.
  8. Jump up^ The State: Past, Present, Future Bob Jessop, page 224, December 2015 John Wiley & Sons
  9. Jump up^ New Directions in Criminological Theory Steve Hall,Simon Winlow page 229
  10. Jump up to:a b Amanda Taub (February 16, 2017). "As Leaks Multiply, Fears of a 'Deep State' in America"The New York Times.
  11. Jump up^ "Essay: Anatomy of the Deep State"BillMoyers.com. 2014-02-21. Retrieved 2017-04-22.
  12. Jump up^ The State: Past, Present, Future Bob Jessop, page 224, December 2015 John Wiley & Sons
  13. Jump up^ [The Concealment of the State] Jason Royce Lindsey, 2013 pages 35–36
  14. Jump up^ Scahill, Jeremy (2017-07-22). "Donald Trump and the Coming Fall of the American Empire"The Intercept. Retrieved 2017-07-29.
  15. Jump up^ Michaels, Jon D. Trump and the "Deep State". Foreign Affairs. September/October 2017.
  16. Jump up^ [2]
  17. Jump up^ Taub, Amanda; Fisher, Max (February 17, 2017). "As Leaks Multiply, Fears of a 'Deep State' in America"The New York Times. Retrieved February 17, 2017.
  18. Jump up^ Rebellion Brews in Washington—But American ‘Deep State’ Is Only a Myth, John R. Schindler, The Observer, 22 February 2017
  19. Jump up^ "How the "deep state" conspiracy theory went mainstream"Newsweek. 2 August 2017. Retrieved 12 August 2017.
  20. Jump up^ "Eisenhower's Farewell Address to the Nation"mcadams.posc.mu.edu. Retrieved 2017-08-09.
  21. Jump up^ ""Deep State" Truthout Interview -". 2016-02-22. Retrieved 2017-08-09.
  22. Jump up^ Ambinder, Marc; Ambinder, Marc (2017-03-10). "Five myths about the deep state"The Washington PostISSN 0190-8286. Retrieved 2017-08-09.
  23. Jump up^ "Vote all you want. The secret government won't change. - The Boston Globe"BostonGlobe.com. 2014-10-18. Retrieved 2017-08-22.
  24. Jump up^ "Background Briefing with Ian Masters"FD Media. Retrieved 2017-08-22.
  25. Jump up^ Lofgren, Mike (2014-02-21). "Essay: Anatomy of the Deep State"BillMoyers.com. Retrieved 2017-08-23.
  26. Jump up^ Ishaan Tharoor (February 1, 2017). "Is Trump fighting the deep state or creating his own?"The Washington Post.
  27. Jump up^ Crowley, Michael (September–October 2017). "The Deep State Is Real"Politico Magazine. Retrieved 2017-09-05.
  28. Jump up to:a b c Julie Hirschfeld Davis (March 6, 2017). "Rumblings of a 'Deep State' Undermining Trump? It Was Once a Foreign Concept"The New York Times.
  29. Jump up^ Phillip Rucker, Robert Costa, Ashley Parker (March 5, 2017). "Inside Trump's fury: The president rages at leaks, setbacks and accusations"The Washington Post.
  30. Jump up^ Winter, Jana; Groll, Elias (2017-08-10). "Here's the Memo That Blew Up the NSC"Foreign Policy. Retrieved 2017-08-15.
  31. Jump up^ David Weigel (March 7, 2017). "Trump and Republicans see a 'deep state' foe: Barack Obama"The Washington Post.
  32. Jump up^ Stanage, Niall (June 5, 2017). "THE MEMO: Is Trump a victim of the 'deep state'?"The Hill.
  33. Jump up^ David A. Graham (February 20, 2017). "Why it's dangerous to talk about a deep state"The Atlantic.

martedì 28 novembre 2017

The second Holy Roman Empire


lunedì 27 novembre 2017

Flag of the Holy European Empire

Risultati immagini per alternate syria flag

Europa is the girl on the bull, according to the ancient greek mythology.

sabato 25 novembre 2017

Vite quasi parallele. Capitolo 89. L'uomo nell'alto castello: fortuna e misteri di Lorenzo Monterovere, Cavaliere di Malta e Iniziato agli Arcani Supremi

Risultati immagini per castello di montecuccolo

Tutti i Monterovere, specie quelli più giovani, provavano un timore reverenziale (e spesso anche un vero e proprio terrore) nei confronti dello zio Lorenzo, soprannominato "il Barone", sia per il successo professionale e accademico in qualità di Ordinario di Storia delle Religioni presso il dipartimento di Filologia Classica dell'Università di Bologna, sia per la sua affiliazione a ordini prestigiosi, tra cui i Cavalieri di Malta, sia, infine, per il fatto che era riuscito a diventare talmente ricco da ricomprare il castello di Monterovere Boica, da cui la "dinastia" era stata scacciata per debiti ai tempi del trisavolo Ferdinando.
Dunque occorre accostarsi a questo delicato argomento "con timore e tremore", come ci ammonisce severamente San Paolo nella Lettera ai Filippesi riguardo allo stato d'animo con cui il credente deve "attendere alla salvezza della propria anima".
Ma Lorenzo Monterovere non era sempre stato un vincente, al contrario.
Per anni suo padre Romano, suo fratello Francesco e sua sorella Enrichetta lo avevano sottovalutato. Lo consideravano un topo di biblioteca, che al di fuori dello studio non era in grado di far niente.
Solo sua madre Giulia aveva creduto in lui, ma non era vissuta abbastanza per vederlo realizzato.
La prima ad accorgersi che Lorenzo non era un pulcino bagnato fu sua zia Anita, durante una delle solite prediche.
<<Lorenzo, tu sei molto bravo a scuola, e questa è una cosa buona, però... come dire... tu sei troppo bravo, il che non è necessariamente un bene, anzi, per dirla tutta, è un grosso problema. Vedi, alla tua età dovresti dedicare più tempo agli amici, alle ragazze...>>
Lorenzo aveva sogghignato con aria di sfida:
<<E me lo vieni a dire proprio tu, che in cinquant'anni non sei riuscita a salvare un'amicizia o un fidanzamento? Fatti una vita, cara zia, e poi ne riparliamo!>>
Anita non gli perdonò mai quella stoccata: come sappiamo era una donna irascibile e permalosa, e capace di serbare rancore nei secoli dei secoli:
<<Non osare mai più parlarmi in quel modo! Io sono vissuta in tempi di guerra e di miseria! Sono una figlia dell'inverno! Era tutto più difficile ai miei tempi. Ma tu sei cresciuto nella pace e nella ricchezza e come diceva Seneca: "fragiles sunt arbores quae in aprica valle creverunt">>
Lorenzo ascoltava quelle parole, ponderandole nel suo cuore.
<<Perché credi che io sia fragile?>>
<<Perché i Monterovere sono come una grande catena, ed ogni catena ha un anello debole>>
<<Non sono io, e te lo dimostrerò>>
Anita riferì quella conversazione a Romano, il quale fece una ramanzina al figlio minore:
<<Condivido le preoccupazioni di tua zia ed esigo una spiegazione sul tuo comportamento>>
<<La zia è invadente>>
<<E tu sei troppo evasivo! Te ne stai sempre zitto con aria di sufficienza, come se ci considerassi tutti degli idioti. Io non amo le persone taciturne: penso che abbiano qualcosa da nascondere>>
Lorenzo non si scompose:
<<Io invece amo le persone che scelgono con cura le parole da non dire>>
Romano scosse il capo:
<<Prima o poi dovrai darmi delle risposte! E in ogni caso dovrai seguire i miei consigli>>
Lorenzo non si lasciò intimidire dallo sguardo severo del padre:
<<Ho letto da qualche parte che i due peccati più grandi sono quelli di dare consigli non richiesti e offrire conforto per un dolore che non si prova e non si comprende>>
Romano fu sul punto di schiaffeggiare quel figlio impertinente, ma qualcosa lo trattenne e forse si trattava già di un senso, seppur vago, di paura.
Il terzo a capire che Lorenzo faceva sul serio fu suo fratello maggiore Francesco, quando già era sposato con Silvia Ricci-Orsini e quindi caduto in disgrazia anche lui presso il padre Romano e la zia Anita.
Si erano incontrati a Bologna, negli anni Settanta.
Francesco aveva preso il discorso alla lontana:
<<Il mondo sta cambiando>>
Lorenzo lo aveva guardato con l'aria di chi la sa lunga:
<<Solo in superficie. Niente è ciò che sembra. Ci sono ombre del male dovunque. Basta seguire gli indizi>>
Francesco rimase perlpesso:
<<Che tipo di indizi?>>
Lorenzo:<<Cose insolite che si ripetono. Una non significa niente. Due può essere una coincidenza. Tre... è diverso...>>
Francesco: <<In  che senso?>>
L: <<Nel senso che se tre cose insolite si ripetono, abbiamo un'anomalia. Un fenomeno che sfugge alla scienza>>
F: <<Io sono un uomo di scienza, ma mi considero aperto ai pensieri alternativi. Però non sono disposto a credere a cose come la magia>>
L: <<Magia? E' un termine con una connotazione troppo pesante, ma se proprio vogliamo usarlo, dirò che, secondo la mia non modesta opinione, le parole sono la nostra fonte più potente di magia>>
F: <<Quindi anche tu non credi alla magia intesa come fenomeno paranormale o incantesimo?>>
L: <<Messa così, sembra un'impostura. In realtà il tema è più complesso, e lo dico da studioso di antropologia e storia delle religioni. Bisogna inquadrare il discorso nell'ambito del concetto di "rito" e di "sacrificio">>
F: <<Sacrificio?>>
L: <<Ogni rituale, in ogni religione, prevede un sacrificio. Persino la Messa cattolica, dove l'Ostia è il corpo di Cristo>>
F: <<E nei riti di esorcismo, qual è il sacrificio?>>
L: <<Hai visto il film o hai letto il libro?>>
F:<<Tutte e due le cose, e poi sto leggendo anche i romanzi di Castaneda>>
L: <<Molto bene, allora saprai che il sacrificio può essere costituito da una esposizione al rischio o anche da un grande dispendio del nostro bene più prezioso, il tempo. Ma se si parla di magia nera, allora il sacrificio deve riguardare una cosa o un essere vivente che ci è profondamente caro>>
F: <<E' terribile! Chi mai farebbe una cosa del genere?>>
L: <<Stiamo parlando a livello teorico. Pura accademia. Come oggetto di studio, la magia elementare è neutra, non è né buona, né malvagia. Ma chi la pratica a volte è disposto a tutto, pur di eliminare i propri nemici>>
F: <<In ogni caso si tratterebbe di un imbroglio. Io preferisco vincere senza imbrogliare>>
L: <<Naturalmente! Ma alcuni potrebbero risponderti dicendo: "non è imbrogliare, se a vincere è il buono>>
F: <<Ah sì? E chi giudica?>>
L: <<Gli stessi che ora devono giudicare cosa è vero e cosa è falso. Anche i più saggi possono sbagliare. In fondo aveva ragione Pilato quando formulò la madre di tutte le domande: "Quid est veritas?". Che cos'è la verità? Nemmeno uno scienziato come te può dire di conoscerla>>
Francesco capì che era difficile vincere un dibattito con Lorenzo, ma la cosa non lo turbò più di tanto, perché in fondo non gli importava affatto di avere l'ultima parola.
Ma tra la generazione successiva dei Monterovere, fu proprio il figlio di Francesco, Riccardo, il più disposto a confrontarsi con l'ormai potente zio Lorenzo.
Fu anche l'unico a porgli domande scomode riguardo alle società esoteriche di cui, secondo molti, era adepto: alcuni dicevano la Massoneria, altri l'Aristocrazia Nera o il Serpente Rosso.
Si diceva persino, e questa era l'ipotesi ritenuta più probabile, che fosse un Iniziato agli Arcani Supremi e un Custode del Fuoco Segreto e reggitore della Fiamma di Atar.
Lorenzo:<<Se vuoi risposte parli con l'uomo sbagliato, io ho solo segreti>>
Riccardo: <<Rivelami almeno il segreto del tuo successo!>>
Lorenzo: <<Non esiste una formula valida per tutti. Il successo è una conseguenza di tante cose tra cui le doti innate (per esempio l'intuito, la creatività, la perseveranza e la resistenza), l'impegno, il sacrificio e sicuramente la fortuna. Ma stai attento. Ottenere quello che vuoi è pericoloso, specie se non ci sei abituato>>
Riccardo: <<Tu volevi ricomprare il Castello di Monterovere, ed ora che ci sei riuscito, ne sarai ben felice>>
Lorenzo: <<Lo sono, sebbene l'abbia acquisito al prezzo di molti sacrifici e mi sia estremamente oneroso da mantenere, affinché non subisca danno>>
Riccardo avrebbe desiderato diventare l'erede dello zio Lorenzo, ma sapeva che c'erano molti altri
in lizza prima di lui: gli Iniziati, i Cavalieri di Malta, ma soprattutto i suoi giovani protetti, studenti di bell'aspetto che Lorenzo cooptava come discepoli, "scudieri", valletti e, secondo i soliti ben informati, come suoi amanti, secondo la tradizione greca della paideia.
Il castello ne era pieno, come se si trattasse di un esercito o di un pretorio o una guardia reale.
Ed era pieno anche di biblioteche.
L'altra grande passione dello zio Lorenzo era quella di collezionare libri antichi: era un bibliofilo convinto, scettico verso le nuove tecnologie, tanto che una volta, dopo aver schiacciato una zanzara con un libro, dichiarò: <<Provate a farlo con un i-Pad!>>



The Man in the High Castle