venerdì 16 novembre 2018

Mappa della situazione attuale in Israele e Palestina

Carta di Laura Canali

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

giovedì 15 novembre 2018

L'Unione Europea tra egemonia tedesca e spinte centrifughe

Carta di Laura Canali, 2018.

lunedì 12 novembre 2018

Geopolitica e rimescolamento delle alleanze in Medio Oriente

Carta di Laura Canali, 2018.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Carta di Laura Canali, 2017.
Risultati immagini per greater israel map

Immagine correlata
Risultati immagini per orthodox alliance map greater syria

“Al giorno d’oggi, una mosca non può ronzare sopra la Siria senza il consenso russo” è la frase con cui un funzionario della Difesa israeliana commentò l’installazione in Siria del sistema S-400 al think tank International Crisis Group. E questa frase può essere una sintesi eloquente di cosa significhi per Israele l’arrivo dei russi a Damasco e dintorni.

Per il primo ministro Benjamin Netanyahu, le frasi dell’ex ministro non possono certo essere un aiuto. Frasi del genere non fanno che dimostrare quanto sospettato da molti, e cioè che ormai sia Putin il vero tessitore della trama mediorientale. Se oggi la torre di controllo degli interventi in Siria è a Mosca, significa che tutto passa per il Cremlino.

Per Putin un compito non facile. Le forze in campo nella guerra di Siria, soprattutto in questa fase così complessa, hanno interessi diametralmente opposti. Molti sono finti alleate, altri, finti nemici. Controllare il gioco dei raid e degli interventi è difficile e adesso, con la ritirata americana dalla posizione di leadership del conflitto, è la Russia a dover gestire i suoi alleati, i suoi nemici ma anche Stati che non sono alleati ma che restano comunque inevitabili partner, vedi Israele.

Immagine correlata

In una intervista al Washington Post, l'erede al trono saudita ha rivelato un segreto di Pulcinella, ma che non esce spesso sui media mainstream: l'ideologia estremista wahhabita è stata propagata da Riyadh dagli anni '70 in poi, su richiesta degli alleati occidentali del Regno, al fine di contrastare l'influenza dell'URSS nei paesi musulmani. Sono state quindi finanziate moschee e madrasse in tutto il mondo, per diffondere questa versione radicale dell'Islam. Secondo bin Salman, i governi sauditi hanno via via perso il controllo della situazione, ma ora, ha detto,“dobbiamo riprendere il controllo di tutto”.

Succede qualcosa di interessante nella politica estera di Israele per le sue alleanze nel Mediterraneo. La prima notizia viene sull’asse tra Atene e Tel Aviv e sono notizie che non vanno sottovalutate nell’ottica dell’equilibrio del Levante. Il capo di stato maggiore dell’Idf, il generale Gadi Eisenkot, è andato ad Atene ospite del capo di Stato maggiore greco, mentre il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, ha ospitato il ministro della Difesa greco in Israele.

Risultati immagini per orthodox alliance map greater syria

Risultati immagini per greater israel map

Gli incontri ci dicono molto sul consolidamento di un rapporto, quello fra Israele e Grecia. Un asse in cui rientra anche Cipro, che vive una politica praticamente ancillare a quella greca. L’anno scorso, Netanyahu il presidente Reuven Rivlin hanno fatto visita in Grecia per incontri con i loro omologhi di Atene, mentre, sempre nel 2017, ci sono stati una serie di importanti incontri fra i vertici militari, fra  cui la visita dei capi di Stato maggiore greco e cipriota in Israele e le visite dei comandanti della marina israeliana e delle forze di terra in Grecia.

A queste visite, si aggiunge poi l’avvio di importanti esercitazioni militari congiunte e dell’utilizzo del territorio e dei cieli di Grecia e Cipro per esercitazioni delle forze delle Idf. L’anno scorso, le forze armate israeliane hanno svolto importanti manovre nell’isola di Cipro per addestrarsi in una guerra che ricordava molto l’eventualità di un conflitto in Libano, anche per la conformazione del territorio. Mentre in Grecia, vi sono state esercitazioni congiunte con l’aeronautica israeliana. Grazie ai legami militari con Grecia e Cipro, Israele ora ha la possibilità di allenarsi in condizioni che non è in grado di trovare vicino a casa (catene montuose per le forze speciali, voli lunghi, gestione di sistemi antiaerei fabbricati in Russia per l’aviazione).

L’asse tra Tel Aviv, Nicosia e Atene nasce per due ragioni: l’erosione dei rapporti fra Israele e Turchia e la scoperta dei giacimenti di gas nei ricchi fondali israelianie e ciprioti con la possibilità di costruire un gasdotto che avesse come terminale la Grecia e quindi l’Europa. Negli anni Novanta, come ricorda Haaretz, Israele considerava la Turchia come suo alleato strategico nella regione. L”ascesa del presidente Erdogan, che ha un’identificazione ideologica infinitamente più grande con i palestinesi, ha di fatto reso impossibile la partnership strategica. Pur mantenendo comunque importanti legami commerciali e industriali.

Sotto l’amministrazione di Barack Obama, i due governi avevano tentato una riconciliazione, ma è stato tutto abbastanza inutile.L’incidente della Freedom flotilla, il neo-ottomanesimo di Erdogan e il suo proporsi come portavoce della causa palestinese hanno consegnato delle relazioni bilaterali del tutto negative. Così Israele ha spostato il suo occhio altrove, sia ad ovest che ad est, tra i Paesi sunniti che contestano la politica turca.

La visione regionale di Netanyahu vede dunque non soltanto il contenimento e contrasto all’Iran, ma anche la costruzione di una nuova serie di alleanze che vanno dall’Egeo al Golfo Persico, in particolare con Arabia Saudita, Egitto, Giordania ed Emirati Arabi Uniti. Netanyahu conta su molti fattori, ma tre sono essenziali: l’ascesa di Trump e l’asse con i sauditi, la costruzione di un potere nel settore del gas che leghi Cipro e Grecia all’energia israeliana, e, infine, il declino dell’interesse mondiale per la causa palestinese, che ormai non attrae neanche più tanto i Paesi un tempo fieri difensori del popolo arabo.

Risultati immagini per greater israel map

L’Egitto, in questo senso, è esemplare. Il mese scorso, parlammo proprio su questa testata delle rivelazioni del New York Times sugli attacchi aerei condotti da Israele nella penisola del Sinai contro il ramo locale dell’Isis, in aiuto alle forze di al-Sisi. Questa settimana, l’Egitto, con l’approvazione di Israele e in violazione dell’accordo di pace tra i due Paesi, ha raddoppiato il numero dei suoi soldati schierati nel Sinai come parte delle loro forze impegnate contro lo Stato islamico. E l’asse del gas fra i giganti israeliani e quelli del Cairo è la certificazione anche monetaria di questa alleanza che, fino a pochi decenni fa, appariva impossibile.

è riemersa con forza l’ipotesi di un intervento militare dei Paesi del Golfo. Martedì è arrivata la conferma da parte del ministro degli Esteri di Riad Adel al-Jubeir. Sauditi e alleati sono disponibili e un loro contingente renderebbe possibile il ritiro delle truppe a stelle e strisce, magari entro quest’anno come vorrebbe Donald Trump.

Usa e Arabia Saudita hanno aggiornato un’idea soppesata fin dal 2015, quando l’intervento russo ha salvato il raiss. Alla fine Barack Obama scelse di appoggiare i guerriglieri curdi dello Ypg, in modo da fermare l’Isis ma senza rovesciare il regime. Come in una partita a scacchi, però, l’appoggio allo Ypg ha spinto la Turchia al fianco della Russia e dell’Iran. E ora Washington si trova davanti a un altro dilemma. Se lascia mano libera a Erdogan lo Ypg verrà distrutto e la Siria spartita fra le tre potenze del «patto di Astana». Se non cede deve restare in un angolo di Siria per anni. L’armata sunnita può risolvere il dilemma.

Già nel febbraio del 2016 l’Arabia Saudita aveva ammassato migliaia di uomini di 20 nazioni nell’esercitazione Tuono del Nord. Era l’abbozzo dell’alleanza che ha coinvolto Egitto e Pakistan e ha avuto il suo banco di prova nella guerra in Yemen, dando scarsa prova di sé. Un’operazione in Siria presenta molti più ostacoli legali e logistici. Si tratta di entrare nel territorio di uno Stato sovrano senza mandato Onu, in quanto la Russia porrà il veto. L’idea iniziale, nel 2015, era di un’offensiva dalla Giordania che avrebbe portato le truppe sunnite a congiungersi con i ribelli alla periferia di Damasco, in quella Ghouta orientale schiacciata da Assad proprio per evitare rischi di questo tipo. A completare l’opera di messa in sicurezza della capitale ieri l’esercito siriano ha lanciato l’assalto anche al campo di Yarmouk, controllato ancora dall’Isis, e all’enclave sui Monti Qalamoun.

Per «l’armata sunnita» ora l’unica via di accesso è attraverso l’Iraq, un Paese dove le milizie sciite hanno già minacciato azioni contro le truppe Usa. Teheran non intende arretrare. Ieri il presidente Hassan Rohani ha rilanciato il piano di riarmo, che prevede anche l’operatività del sistema anti-aereo S-300. Sistemi russi sono stati trasferiti anche dall’Iran alla Siria. Indiscrezioni israeliane hanno precisato che l’obiettivo del raid del 9 aprile sulla base T4 era anche una batteria anti-aerea Tor. Gli iraniani dispongono già di dozzine di batterie più piccole e c’è il sospetto che abbiamo partecipato all’abbattimento di un F-16 con la Stella di David lo scorso 10 febbraio.

Il Nuovo Impero Persiano

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

giovedì 8 novembre 2018

Vite quasi parallele. Capitolo 134. L'Iniziazione agli Arcani Supremi

Risultati immagini per heart of the forest maui

L'immagine può contenere: pianta e spazio all'aperto

<<La ragione per cui accetto di intraprendere questo percorso è la mia insaziabile curiosità. Che poi è anche una delle mie principali ragioni di vita. Fino ad ora tutta la mia conoscenza si è fermata ai limiti del mistero. Viviamo in un piccolo angolo di luce circondati dall’oscurità di ciò che non conosciamo. Un piccolo giro al di fuori della percezione abituata a vedere solo un certo percorso, una piccola occhiata verso quell’oscurità>>
Così disse Riccardo Monterovere alla giovane lady Joanna Burke-Roche, Iniziata di Rango Segreto, presso il Bosco di Querciagrossa, nella località detta "L'Orma del Diavolo".
Joanna sorrise:
<<Potrai dare più che una piccola occhiata, ma non so se ciò che vedrai ti piacerà.
In ogni caso, hai già superato le prove del dolore, anche se purtroppo alcune di loro torneranno, nel corso della tua vita, e il dolore non passerà mai del tutto. Ogni Iniziato lo sa: è la prima conoscenza senza la quale non si è in grado di sopportare tutto il resto>>
Lui ne era fin troppo consapevole:
<<Immagino però che la parte più difficile debba ancora venire, per quanto non riesco ad immaginare niente di peggio del dolore>>
Lei divenne improvvisamente serissima:
<<Peggio del dolore c'è la paura che possa esistere un dolore più grande di quello già passato. Un dolore insopportabile. Ma in realtà la paura è parte integrante, e a volte persino preponderante, di quello stesso dolore che teme>>
E anche quella era una lezione importante.
<<Lessing avrebbe detto: "L'attesa del dolore, non è essa stessa il dolore?">>
Joanna annuì:
<<Sì, e oltre tutto si tratta di un dolore che potrebbe non verificarsi mai. Per cui si finisce per soffrire invano. E' la famosa storia di chi si fascia la testa prima di cadere. L'eccesso di prudenza può diventare una forma di delirio>>
Era un delirio che aveva già affondato i suoi artigli nella mente del giovane Monterovere:
<<Quale difesa abbiamo contro una simile paura?>>
Lei continuò a fissarlo con severità:
<<Vivere nel presente, concentrarsi sul qui e ora. E' una questione di disciplina mentale.
Imparare questo è parte della prova. Per questo ogni prova è personale. Altri peccano per eccesso di spavalderia, per incoscienza. Non si accontentano mai: hanno quasi tutto, ma ciò che desiderano di più è proprio quel "quasi".
Tu invece per eccesso di prudenza. L'hai trasformata in un perenne stato di "timore e tremore". Ora è tempo di scacciare questa angoscia.
E' il momento dire basta alla disperazione>>
Riccardo fu pervaso da un brivido:
<<Dunque tu conosci il mio stato d'animo. Nel giro di un anno ho perso tutte le mie certezze.
E mi sono ritrovato solo, in un mondo ostile, in una terra senza speranza>>
Lo sguardo di lei mostrò la comprensione, rara, di chi ha percorso lo stesso sentiero.
<<Ora io sono con te, in un'angolo di natura benevolmente predisposto nei tuoi confronti, in una terra che attende il tuo aiuto.
Entrambi abbiamo alle spalle molto dolore, ma davanti a noi esiste una speranza.
Non ha senso dunque rimuginare ulteriormente sul passato.
Non possiamo cambiare l'inizio della nostra storia, ma possiamo ricominciare a scriverla da dove siamo ora, e provare a cambiarne il finale.

L'immagine può contenere: testo

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Devi imparare a controllare i tuoi pensieri, perché essi diventeranno parole; a controllare le tue parole, perché esse diverranno azioni; a controllare le tue azioni perché essere diventeranno abitudini; a controllare le tue abitudini, perché esse diventeranno parte del tuo carattere; a controllare il carattere, perché esso diventerà il tuo destino.
Io ti posso insegnare tutto questo: in cambio ti chiedo di fidarti di me, come guida della tua Iniziazione.
Non possiamo indugiare oltre.
Il rito deve avere inizio qui, adesso>>
Lui si guardò intorno:
<<Senza testimoni?>>
Lei gli indicò una panca, intagliata nel legno.
Si sedettero.
<<Non è necessaria la loro presenza fisica. I Veggenti comunicheranno con te, e a presiedere al rito ci sarà qualcuno di ancora più importante.
Certo è necessario renderti più ricettivo ai loro messaggi. Per questa ragione condividerai con me una bevanda la cui composizione chimica è ignorata dalle industrie farmaceutiche e dai centri di ricerca.
E' uno dei segreti di longevità dei membri dell'Elite, a meno che qualche fazione avversa non interferisca>>
Riccardo scattò in piedi:
<<Lo sapevo! Alla fine, dietro a tutte queste chiacchiere, c'è una sostanza stupefacente, un allucinogeno, una droga! E' questo che siete, in fin dei conti? Soltanto una banda di drogati esaltati?>>
Joanna scosse il capo, facendogli cenno di tornare a sedersi:
<<Non è una sostanza tossica e non crea dipendenza. Amplifica le capacità della nostra mente, ma non si tratta di allucinazioni, anzi: è una visione più esatta>>
<<Chi mi assicura che tu non voglia avvelenarmi?>>
Lei aveva previsto ogni obiezione:
<<La berrò prima io, e in quantità maggiori, visto che sono preparata ai suoi effetti. Ma se tu non hai fiducia in me, allora puoi tornartene alla tua esistenza solitaria e letargica, limitandoti a sopravvivere a te stesso, con l'unico scopo di essere l'esecutore testamentario della tua stirpe.
Come ti ho già detto, hai davanti a te due strade: o innalzarti al di sopra di tutti i tuoi padri a partire da Ferdinando Monterovere, o scendere nell'oscurità, con quel che resta della tua stirpe>>

L'immagine può contenere: pianta e spazio all'aperto

<<Sono venuto qui alla ricerca delle mie radici, con la convinzione che "le radici profonde non gelano". Confido in questo e scelgo l'Antica Via, quella degli Iniziati>>
Joanna annuì:
<<Non te ne pentirai>>
Prese dalla borsa una boccetta di vetro chiusa da un contagocce e un piccolo cucchiaino d'argento.
Lasciò cadere una ventina di gocce nel cucchiaio e poi ne assunse oralmente il contenuto.
Infine, si rivolse al suo interlocutore con con voce solenne e postura ieratica, come una sacerdotessa:
<<Prima che anche tu assuma l'Acqua della Vita, come noi chiamiamo il nostro elisir, devo pronunciare alcune parole di rito, perché le parole rappresentano una delle forme più alte di magia cerimoniale.
Io Joanna Burke-Roche, conosciuta anche col nome di Virginia Dracu, Inziata di Rango Segreto agli Arcani Supremi, sono qui per delega del Consiglio degli Iniziati, alla sacra presenza di Riccardo Monterovere, che il nostro Ordine ha riconosciuto degno di accedere ai Sacri Misteri>>
Con la propria mano sinistra, prese la mano sinistra dell'iniziando, come era tradizione della cosiddetta Via della Mano Sinistra.
Poi riprese a parlare, rivolgendosi direttamente al suo interlocutore:
<<Così come io sono adesso, allo stesso modo un giorno sarai tu.
Prego alla tua presenza che sia così.
Liberamente hai scelto di sottoporti al sacro rito dell'Iniziazione, detta anche Seconda Nascita, poiché una persona ne entra e un'altra ne esce.
Ti richiederemo impegno, poiché le discipline più impegnative sono anche le più gratificanti.
La via della disciplina conduce alla vera libertà, per cui ti dico: se cerchi solo la libertà, diverrai schiavo dei tuoi desideri, dunque cerca la disciplina e lì troverai la tua libertà.
Ti chiederemo di aprire la coscienza a nuove forme di apprendimento, affinché tu possa elevarti ad un livello superiore e scegliere, se vorrai, di diventare ciò che noi chiamiamo "Cavaliere della Luce".

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Ti chiediamo, ora, la massima concentrazione.
Passato e futuro non esistono se non nel nostro pensiero: non possediamo nulla di più di questo momento presente, per dedicare noi stessi alla sacra presenza umana, che condividiamo e preghiamo>>
Chinò il capo, e come se stesse recitando una litania, sussurrò:
<<Noi non percepiamo il tempo, percepiamo il cambiamento: l'unica cosa che conta è il cambiamento reale che abolisce lo stato di cose del presente.
I presupposti da cui muoviamo non sono arbitrari.
Arcano, dal latino arcanus= nascosto, derivato di arca=scrigno, indica ciò che è tenuto segreto, che non può essere conosciuto, e che dunque è oggetto di mistero. Gli Arcani Supremi sono dunque i più grandi segreti e misteri dell'universo, la cui conoscenza è riservata soltanto ad una ristrettissima elite
Ora è tempo di risvegliare questa conoscenza che è latente in te nella memoria filogenetica dei tuoi antenati>>
Versò sette gocce dell'Elisir nel cucchiaino e le versò in bocca all'iniziando.
Sette, il numero magico per eccellenza.
Riccardo percepì un aroma di pesca, molto delicato, e si sentì immediatamente calmo e profondamente rilassato e concentrato.
Joanna riprese a parlare:
<<In questo momento la tua memoria filogenetica incomincia a risvegliarsi.
Chiudi gli occhi e guarda dentro di te... sì, guarda dentro di te...
Gli Altri Ricordi giungeranno come in un sogno e in maniera confusa, apparentemente senza alcun ordine e alcuna logica. 
Non tutto ciò che percepirai ti piacerà, ma ti invito a rispettare comunque i tuoi antenati, poiché tu sei il frutto dei loro infiniti amori.

L'immagine può contenere: una o più persone e testo
L'immagine può contenere: testo
Inizialmente le immagini che si formarono nella mente di Riccardo erano come fotogrammi di film molto diversi tra loro, tanto che lui credette che si trattasse di mere allucinazioni.
Il flusso di quei fotogrammi era talmente veloce che non riusciva a imprimerlo nella memoria.
Questi non sono ricordi.
Una voce gli rispose, da dentro.
"E invece sì"
Era sua nonna Diana, ma non come negli ultimi giorni della sua vita, bensì com'era da ragazza, estremamente simile a lady Joanna Burke-Roche.
"Questa è la nostra unica forma di immortalità"
Riccardo si convinse di essere in un sogno.
"Tu sei solo nella mia mente e nel mio cuore, non puoi essere reale"
"Difficile rispondere. Nei primi tempi, sai... nei primi tempi..."
Ma il discorso rimase in sospeso.
L'immagine svanì, travolta da una valanga di Altri Ricordi, di antenati mai visti, vissuti in un passato estremamente remoto, tanto da non risultare in alcun modo riconoscibile.
Scorse un giovane cavaliere, ne ghermì i ricordi, gli interminabili esercizi per apprendere l'uso delle armi: la spada, la lancia, l'arco e le frecce.
Quelle abilità si trasmisero a lui, insieme ai ricordi dell'antenato.
E poi duelli, battaglie, guerre, massacri.
Una voce sconosciuta parlò: «Questo è ciò che i tuoi antenati hanno fatto. Consideravano prodezza il sangue, e gloria il non aver pietà. Ricordalo sempre, perché tra loro non ci sono innocenti!»

L'immagine può contenere: 2 persone, spazio all'aperto

Fiumi di sangue, nuvole di sangue.
"Dov'è il senso di tutto questo? Dov'è il Graal che avrei dovuto trovare in questi Altri Ricordi? Non bastavano i miei, a tormentarmi? Qualcuno mi risponda!"
I ricordi si dissolsero e al loro posto comparve uno sfondo luminoso, simile a quello descritto da chi ha vissuto esperienze di pre-morte.
Ma non era la fine.
La stessa voce, proveniente dal punto di irradiazione della luminosità, continuò a parlare.
"Non so che cosa ti aspettassi di vedere, ma qui non ci sono verità preconfezionate.
Però se sei arrivato fin qui, è giusto che tu abbia qualche risposta.
Io sono conosciuto con molti nomi, ma quello che mi fu attribuito dalle genti che vivevano nel luogo in cui ti trovi è Belenos.

Risultati immagini per belenos

Risultati immagini per belenos
Risultati immagini per warhammer crest cross swords
Risultati immagini per belenos

Risultati immagini per belenos

Ed ecco alcune delle mie risposte.
Io sono una delle Entità Sovrumane che voi chiamate "I dominatori dell'Universo".
Ma non ne sono i Creatori.
Non c'è Creatore, ci sono solo due princìpi opposti, i fondamenti: Energia ed Entropia.
Entrambi questi fondamenti hanno espresso, nel processo evolutivo, due entità immanenti, Belenos per l'Energia ed Eclion per l'Entropia. Da tempo immemorabile essi lottano tra loro per evitare che l'altro prevalga, e in questo modo mantengono in equilibrio l'universo.
Ma non sono soli.
Esistono altre entità simili, dette "Signori degli Elementi" e tra essi ve ne sono tre il cui potere è pari al mio: sono Atar, Signore del Fuoco,  Gothar, Signore del Ghiaccio ed Eclion, Signore delle Tenebre.
Il dolore è nato per avvertirci che la nostra vita è in pericolo, ma Eclion il Malvagio ha trasformato questo avvertimento in uno strumento di tortura. Spetta a voi saper distinguere l'avvertimento dalla tortura. Nel primo caso vi è una cura, una speranza e forse anche una redenzione, ma nel secondo vi è solo malvagità. 
Ora io ti libero da questa malvagità, sottraggo la tua anima all'influenza del Maligno, e ti consacro al mio servizio>>