domenica 23 novembre 2014

La Quarta Era. Capitolo 24. Dall'altra parte dell'oceano. Galadriel a Tol Eressea.



Il viaggio era finito lì, nelle coste rocciose dell'isola di Tol Eressea, l'unico luogo delle Terre Imperiture dell'Ovest in cui gli Elfi provenienti dalla Terra di Mezzo avevano avuto il permesso di abitare.






Gli unici che avevano il permesso di visitare le città degli Eldar nel continente erano i discendenti delle stirpi dei Noldor e dei Sindar, un piccolo manipolo di reduci, ormai.
E tra essi, l'unica che era nata a Valinor, presso la città di Tirion, e che aveva ricordi di quelle terre risalenti a migliaia di anni prima, era lady Galadriel.
Aveva lasciato quei luoghi quando era una giovane ribelle, con tanta energia e curiosità, e sete di giustizia.



E sono tornata carica d'anni ed esperienza, e sopravvissuta a millenni di battaglie contro il Male. 
Speravo di trovare qui una felicità maggiore rispetto a quella che avevo conosciuto nel regno di Lothlorien, ma mi sbagliavo.
La prima impressione che aveva provato, scorgendo di lontano le scogliere di Tol Eressea, era stata di estraneità.
Me le ricordavo bianche e luminose. Ora sono scure e opache. Anche il mare si è fatto peggiore, l'acqua è fredda e torbida: ne vedo crudeli assalti al molo. 
Il porto di Avallone era deserto.
Non s'infiocca più di vele, non è lo specchio di nulla, neppure di se stesso.
Quella malinconica visione l'aveva rattristata.
Abbiamo commesso un errore a venire qui. Era miglior pensiero restare dove eravamo, non andare oltre, sognare. Il sogno è l'infinita ombra del vero.



Anche gli altri a quella vista si erano incupiti..
Celeborn ed Elrond, che mai avevano visto Tol Eressea, mi guardavano come per dire: 
"E' tutto qui? E' questa la gloria delle Terre Imperiture? Dov'è lo splendore degli Eldar? Dove sono i Troni dei Valar? E' così che accolgono i salvatori della Terra di Mezzo?"
Avrebbe voluto rispondere di no, ma non poteva.
Sarebbe stata una bugia, o quantomeno una mezza verità.
Frodo fu l'unico che mi capì davvero, quel giorno. Potevo leggere i suoi pensieri come un libro aperto, ed erano anche i miei pensieri:
 "Come si fa a riannodare i fili di una vita interrotta? Come fai ad andare avanti quando nel tuo cuore cominci a capire che la felicità spezzata non si ricompone più?"
Le era tornata in mente una poesia, scritta in gioventù, e ne aveva pronunciato i versi:
<<Essere uno è essere parte. Tardiva scoperta nel percorso irto, ma atta pure a riconsiderare la propria e l'altrui sorte. Vero viaggio è il ritorno, ma il sogno che interrompi non ritorna uguale.>> a questo punto si commosse e riuscì soltanto a
Fu allora che si ricordò qualcosa che le dava la misura dell'immensità del tempo passato e di come le cose erano cambiate:
<<Quando ero giovane, queste terre erano illuminate dai due Grandi Alberi: il dorato Laurelin e l'argenteo Telperion. Fu prima che Melkor e Ungoliant li avvelenassero. 
Con l'ultimo frutto di Laurelin, i Valar crearono il Sole, e con l'ultimo frutto di Telperion, la Luna. 
Ora guardate me e la Luna dietro di me, e giudicate voi stessi come mi posso sentire, sapendo che tra le due, io sono quella che è nata prima>>



Quelle parole suonarono strane, eppure erano vere.
Era stato Gandalf a rispondere per primo:
<<Come già una volta ti dissi, il tempo può avere cambiato me, ma non la Signora di Lorien!>>
Mithrandir, il Grigio Pellegrino, divenuto ora il Bianco, era sempre stato il più acuto nel capire i sentimenti di lei.
<<Non sono più la Signora di Lorien. Non so più esattamente che cosa sono. 
Guarda, Mitrhandir, osserva i miei parenti che ci attendono sulla riva. Rivedrò mio padre e mia madre, e anche mia figlia. Non sai quante volte ho sognato questo momento, ma ora ho capito qualcosa che prima non mi era chiaro.

 Vivere nella Terra di Mezzo mi ha cambiata e resa diversa da loro, e forse in tutti questi millenni anche loro sono cambiati. Ci illudiamo di rincontrare le stesse persone, ma in verità quelle persone non esistono più.

Ora capisco perché Earendil preferì volare in cielo con il Silmaril e diventare una stella, la nostra stella più amata, piuttosto che rimanere qui a vivere di ricordi tra persone che non riconosceva>>
Il riferimento al padre di Elrond, aveva riscosso quest'ultimo dal senso di stupore di fronte alle rive del nuovo mondo:
<<Se mio padre Earendil fosse qui, sarebbe per me una gioia rivederlo. Perché il tuo cuore si affligge, quando invece dovrebbe gioire, nel rivedere la tua famiglia, nel riabbracciare tua figlia Celebrian, la mia amata sposa, che ci ha atteso per tanto tempo?>>
Ancora una volta fu Frodo a mostrare la maggior comprensione per il conflitto interiore di Galadriel:
<<Mio signore Elrond, quando tornai nella Contea, credevo che sarei stato felice.
 Eppure qualcosa si era spezzato dentro di me. 
Ci sono cose che il tempo non può riaggiustare, ferite talmente profonde che lasciano un segno nell'anima, per sempre. E ciò che un tempo mi rallegrava, alla fine mi era divenuto estraneo. Ero partito per salvare la Contea, e l'avevo salvata, ma non per me...>>



Elrond aveva ricordato una frase pronunciata tanti anni prima dalla madre di Aragorn, la principessa Gilraen: <<Onen-i Estel Edain. U chebin Estel anim. Ho dato la speranza agli uomini ed ora non ne ho più per me>>
Galadriel ricordò il giorno in cui aveva detto addio ad Aragorn: "Namarie, Elessar. Ti dono anche l'avara mia speranza. A nuovi giorni, stanca, non so crescerla...>>
Quelle parole avevano avevano commosso persino il vecchio Bilbo, la cui mente era ormai obnubilata dall'estrema vecchiaia:
<<Questo è il nostro destino, amici miei, compagni, fratelli!
 Il giorno in cui nascemmo, fummo prescelti dai Valar, che ci resero grandi e infelici, perché questo è il destino dei salvatori della patria>>
Gandalf appoggiò una mano sulla spalla del suo vecchio amico:
<<Noi non abbiamo una patria. Non apparteniamo a niente e a nessuno. Ecco il senso della poesia di Galadriel, che ci ricordava come "essere uno è essere parte">>
Frodo allora gli aveva domandato:
<<E noi, adesso, di cosa siamo parte, ora che il nostro ruolo nel Grande Disegno si è compiuto?>>
Gandalf aveva sospirato:
<<Il Grande Disegno non si è ancora compiuto e noi dobbiamo impiegare il tempo che ci resta per preparare la strada a coloro che verranno. Un'ultima battaglia li attende>>
Elrond aveva corrugato le folte sopracciglia:
<<Ma di cosa stai parlando, Gandalf? Il nemico è sconfitto!>>
Lo stregone scosse il capo:
<<La tua sapienza è grande, mio caro Elrond, ma c'è una cosa che persino tu non sai, e che tuo padre Earendil mi confidò, prima di portare il Silmaril nei cieli. 
Egli aveva udito la profezia pronunciata da Mandos, riguardo alla sorte di Melkor il Morgoth, dopo la guerra dell'ira. 

Secondo la profezia, Morgoth scoprirà come abbattere la Porta della Notte e distruggerà il Sole e la Luna. Allora Eärendil, per amore di questi, scenderà dal cielo e incontrerà TulkasManwë ed Eönwë, il suo araldo, e Túrin Turambar ritornato dalla morte sulle pianure di Valinor. Tutti i popoli liberi della Terra di Mezzo parteciperanno a questa battaglia, la Dagor Dagorath; ElfiUomini e Nani insieme, per l'ultima volta>>

Galadriel ne era a conoscenza, ma il suo cuore era in apprensione per l'incontro che l'attendeva.
Nel porto di Avallone c'era una grande folla.
Davanti a tutti loro c'erano i suoi genitori: Finarfin, re dei Noldor e sua moglie Earwen di Alqualonde.



Parevano più giovani di lei e la osservavano con un distacco solo lievemente intaccato dalla curiosità.
Quando me ne andai, lo feci contro la volontà. Fu un atto di ribellione contro di loro e contro i Valar, che ci avevano abbandonato.
 E queste cose, anche se perdonate, non si dimenticano.
Galadriel si era infine inginocchiata davanti a suo padre, in segno di penitenza.



Finarfin le fece cenno di alzarsi, ma la sua voce era tetra e fredda:
<<Cinque figli partirono da Valinor alla volta della Terra di Mezzo. Finrod, il mio amato primogenito, e il nobile Orodreth, insieme ai gemelli Angord e Aegnor, trascinati dalla ribellione della mia unica figlia femmina, Galadriel. 
E solo tu ha fatto ritorno nelle Terre Imperiture.
Dimmi, Galadriel, come morirono i tuoi fratelli?>>



Per lei era un ricordo straziante:
<<Mio re, mi comandi di rinnovare un dolore indicibileI tuoi figli caddero combattendo valorosamente contro Melkor il Morgoth, durante la Prima Era del Sole.
 Finrod sacrificò la sua vita per salvare l'amico Beren e la sua sposa Luthien...>>
Il viso di Finarfin si rabbuiò:
<<Il sangue più nobile dei Noldor fu versato per la salvezza di un uomo?>>
Galadriel fissò suo padre negli occhi:
<<Da quell'uomo e dalla sua sposa discese la valorosa stirpe dei Mezzelfi, i figli di Earendil.




Elrond di Rivendell, che è qui con me, ed Elros Tar-Minyatur, re di Numenor, da cui discende l'attuale sovrano di Gondor. E' stato anche grazie al loro valore che Arda fu salvata. 
Come vedi, mio re e padre, il sacrificio di Finrod non è stato né inutile, né disonorevole>>
Finarfin non ne era convinto:
<<La salvezza di Arda non dipende dalla Terra di Mezzo. Quel luogo fu profanato dal Male e i Valar da tempo lo hanno dato per perso. E la profezia di Mandos parla chiaro, ed ecco che i segni della fine si manifestano. 
La tua venuta tra noi è come le orme della rovina!>>
Galadriel, profondamente offesa, stava per ribattere, quando sua madre, la dolce Earwen, dai capelli color dell'argento, come quelli di tutti i Teleri di Alqualonde, le pose le mani sulle spalle e la abbracciò.



<<Bentornata, figlia mia, a queste prode, che rode la marea con moto alterno.
A lungo ho pregato per te, chiedendo la grazia al divino Iluvatar, ed ecco, ora sei qui, unica tra i miei figli, poiché gli altri giacciono come ombre nelle Aule di Mandos, e per loro a lungo piansi e sparsi gigli a piene mani.



E per questo tu mi sei ancor più preziosa, adesso che la la resa dei conti si approssima.
Ora va', ti attende un meritato riposo, poiché sei logora per il dolore e per la molta fatica. Questa notte, finalmente, dormirai in pace>>

2 commenti:

  1. Bè, ti dirò, il popolo degli elfi è sempre stato il mio preferito tra quelli della terra di Mezzo, ma qui non ci fanno una gran figura...Io me li sono sempre immaginati migliori degli uomini, pieni di amore e compassione (anche grazie al fatto che sono immortali e quindi hanno tutto il tempo per maturare e migliorarsi), ma qui addirittura Finafin accoglie la figlia che non vede da secoli come se fosse una disgrazia!
    Immagino che loro diano molta importanza ai "segni" e alle profezie, ma insomma, si tratta pur sempre di una figlia che non rivedevano da moltissimo tempo e che non sapevano neppure se fosse viva!
    Dal canto suo pure Galadriel mi sembra fin troppo malinconica per una che è tanto saggia, cioè, è chiaro che ha passato di tutto poverina, ma ormai avrebbe dovuto capire che anche se le cose non possono tornare come prima, possono anche esser migliori nella nuova versione!
    Mi chedo come proseguiranno le cose con la sua famiglia, ma per lo meno Earwen si è dimostrata dolce e comprensiva! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giustissimo quello che scrivi ed è la stessa impressione che si ricava da certi capitoli del Silmarillion, dove gli Elfi, e in particolare gli Eldar, cioè gli Alti Elfi dell'Ovest, non sono affatto così positivi come invece li vediamo nel Signore degli Anelli. Per questo devo dire che è stata una scelta deliberata quella di riprendere lo spirito del Silmarillion, sia per quel che riguarda il personaggio di re Finarfin, la cui "spocchia", per dirla tutta, non mi era mai piaciuta fin dall'inizio ;-) sia per quel che riguarda in generale una certa freddezza nei loro rapporti familiari, vissuti con un certo distacco, fatta eccezione per alcuni personaggi dolci come la regina Earwen di Alqualonde.
      Galadriel, come spesso ho accennato, è un personaggio molto più complesso di quanto appare a prima vista. Già quando utilizza il suo famoso specchio lo fa con una certa durezza, ricordando a Frodo che "portare l'anello del potere vuol dire essere soli", e in quel momento gli mostra il suo anello come per dire: "vedi, anch'io sono sola". Sono finezze che si notano solo dopo aver riletto il passo almeno un milione di volte :-D
      Per anni mi sono chiesto quale sarebbe potuta essere la sua reazione al ritorno nelle terre dove era nata e dalle quali se n'era andata "sbattendo la porta" in faccia a tutta la sua famiglia e tirandosi dietro i fratelli, destinati a fare tutti una brutta fine. Ecco, ho sempre immaginato che, tornando nel luogo dove si era consumato il suo primo conflitto interiore, qualcosa dentro di lei si sarebbe turbato. Ammetto di averci messo anche del mio, nel senso di aver voluto introdurre una mia esperienza personale. Quando, alcuni anni fa, mi capitò di tornare nel paese dei miei nonni materni, dove avevo trascorso l'infanzia, si verificò una cosa strana. Mi aspettavo di essere travolto da emozioni positive, e invece tutto mi parve come se fosse diventato peggiore. Mi venne da pensare: "Be', è tutto qui? E' così che si sono ridotti i posti che nella mia mente avevano assunto i contorni del mito?". Le cose erano cambiate, e non in meglio. Come già ti dissi, rimasi shockato dal tremendo restauro della casa di mia nonna da parte dei nuovi proprietari. Era stata una forma di banalizzazione, unita alla trascuratezza. Fu veramente qualcosa di traumatico. Ecco, ho voluto rimettere in scena almeno una parte di quell'esperienza, collegandomi anche al sentimento di Frodo quando torna nella Contea e non riesce più a starci. Se ci pensi anche Bilbo, dopo aver vissuto tante avventure, finisce per annoiarsi nella placida Contea. Ecco, il paese dei miei nonni era come la Contea, ma nella mia memoria aveva anche assunto certi aspetti mitici, come se fosse una Avalon, o una Camelot o, per rimanere in tema, una Valinor. Ma dopo essere vissuto nelle grandi città, e aver vissuto tante esperienze, ritornare lì era stato deludente. Mi pareva tutto così piccolo, così diverso, così deludente. Ecco, io mi sono convinto che Galadriel, in cuor suo, tornando a Valinor, si fosse convinta di aver commesso un errore, perché in fondo la sua vera casa era diventata Lothlorien ed era stato uno sbaglio averla abbandonata.
      Poi c'è un'ultima osservazione, e cioè che le esigenze narrative richiedono spesso di ricorrere all'inaspettato, per evitare la noia ;-) C'è un detto, che riguarda la narrativa, ma che può avere un significato ancor più profondo: la felicità è bella, ma può diventare molto noiosa :-D
      Poi però garantisco che ci sarà il lieto fine, e che tutti avranno l'opportunità di riscattarsi ;-)

      Elimina