lunedì 26 marzo 2018

Magia runica e divinazione

Risultati immagini per rune celtiche significato

Risultati immagini per rune magiche

Ci sono prove del fatto che, oltre ad essere un sistema di scrittura, le rune furono utilizzate anche per propositi magici, dalle più antiche epigrafi dell'età del ferro romana a quelle dell'età del ferro germanica, con iscrizioni non linguistiche e la parola alu; un maestro runico sembra essere stata dunque una persona versata nelle arti runiche, comprese quelle magiche.
Il Sigrdrífumál contenuto nell'Edda poetica menziona "rune della vittoria" da incidere su una spada, "alcune sull'impugnatura ed alcune sull'intarsio, e chiamare Týr due volte".
In tempi più moderni, il folclore e la superstizione legati alle rune vennero trasmessi in forma di simboli magici islandesi. All'inizio del XX secolo, il misticismo tedesco crea nuove forme di "magia runica", alcune delle quali continuate o sviluppate da aderenti all'etenismo; gli attuali sistemi di divinazione runica , ossia di predizione del futuro mediante l'estrazione delle rune da un contenitore, sono basati sull'ermetismo, sull'occultismo e sull'I Ching.

Per un ampio e valido approfondimento sulla divinazione runica, rimando al seguente sito, che tratta l'argomento con grande accuratezza:


Risultati immagini per magia runica

Immagine correlata

Per un approfondimento riguardo al significato delle rune rimando al seguente sito

http://www.lacasadegliangeliedegliarcangeli.it/it/pensieri-utili/15-minuti-con-gesu-150b1-ita.html

 da cui ho estrapolato la seguente citazione:

SIGNIFICATO

1) Fehu. Evoluzione. Rappresenta l’inizio del ciclo della creazione. Successo, lavoro che dà i suoi frutti. A rovescio, con rune positive, indica ostacoli e ritardi, mentre con rune negative preannuncia perdita materiale, problemi nel mantenere l’attuale livello finanziario. Se le rune vicine sono negative, esse avvertono che è meglio non coinvolgersi troppo in una situazione amorosa che porterà solo dispiaceri.

2) Uruz. Promozione, destino, fato. Rappresenta il toro nella sua potenza e rabbia guerriera, gli istinti primordiali. Salute buona o ripresa veloce da una malattia, miglioramenti e cambiamenti sul lavoro e nelle finanze, promozione o nuova carriera. Con rune positive è successo sicuro.
Rovescio: mancanza di forza di volontà, una buona opportunità sfugge, tendenza a farsi guidare da altri. Poca salute o sta arrivando una malattia. Per un uomo in arrivo problemi sessuali. Se ci sono rune positive, sta arrivando un cambiamento positivo mentre, con rune negative, il cambiamento sarà sgradevole.

3) Thurisaz. Spina, protezione, incantesimo, magia, ammaliamento. Proteggetevi, non soltanto dai nemici, ma anche dalla tentazione di un’eccessiva ambizione. Thurisaz ci avvisa che faremo una scelta sbagliata, specialmente nelle relazioni, siano esse d’amore o finanziarie. Anche colpo di fortuna inaspettato.

4) Ansuz. La bocca, comunicazione. Governata da Mercurio, Ansuz è la runa della comunicazione, specie fra insegnanti ed allievi. Ansuz avverte che ci si può aspettare l’arrivo di un visitatore.
A rovescio: Vi verrà detta una menzogna. Problemi negli studi, un esame che non va bene.

5) Raido. Ruota, viaggio, movimento. Rappresenta un viaggio, ma anche inviare e ricevere messaggi. Raido è una runa che indica azione immediata, e può indicare l’ordine dopo il caos ma anche sacrificio.
A rovescio: viaggio spiacevole o arrivo di una persona non gradita. Prudenza.

6) Kenaz. Fiaccola, guarigione, cosa celata. Runa positiva, aiuta la “guarigione” in tutti i suoi aspetti: dalle difficoltà negli affari ai problemi di salute. Riposo, purificazione, trasmutazione.
A rovescio: perdite, fine di un amore o scioglimento di società.

7) Gebo. Dono, generosità, formula magica. Incontro, auspicio di matrimonio ed unione sia nel campo affettivo che in quello degli affari. Ha profondi significati esoterici a causa della cifra corrispondente. Runa sempre positiva, non ha significati negativi.

8) Vunjo. Gioia, illuminazione, preghiera, grazia. Fortuna, salute, ricchezza e felicità possono scaturire da diverse fonti.
A rovescio: periodo di crisi e ritardi. Non prendere decisioni importanti per il futuro. Un socio potrebbe fare il doppio gioco.

9) Hagalaz. Grandine, visione, risoluzione di un mistero, rottura. La Natura governa Hagalaz, runa che rappresenta le forze immutabili che dobbiamo accettare. Annuncia rottura, in ogni forma. Runa negativa che annuncia un evento naturale come una nascita o una morte.

10) Nauthiz. Spiritualità, fuoco interiore sempre acceso, ricerca. Visioni illuminanti e capacità di controllare le emozioni. Vita soggetta a rapidi cambiamenti.

11) Isa. Manifestazione, culto, luce lunare, conservazione. Matrice divina femminile. Bisogna fermarsi in attesa di momenti migliori. Ritardi. Un amore sta finendo ed è probabile una separazione. Tradimenti da parte di chi chiede.

12) Jera. Raccolto, giustizia, fuoco sacro. Jera indica che raccoglierete i frutti del vostro lavoro, che sono intesi sia in senso negativo che positivo. Reati commessi in passato vengono oggi puniti. Rappresenta il ciclo stagionale, e preannuncia cambiamenti di lavoro o di partner. Jera indica anche questioni legali, viste anche sotto l’aspetto burocratico.

13) Eihwaz. Albero cosmico, scoprire qualcosa di celato nella terra, resurrezione. Rialzatevi e ricominciate da capo. Grazie alla sua influenza lunare Eihwaz vi dà la forza per farvi superare le avversità che alla fine volgeranno a vostro vantaggio. Trionfo.

14) Perthro. Gioco delle Fate, fato, profezia. Predice una rivelazione. Vi sarà svelato un segreto o verrete in possesso di qualcosa perso da lungo tempo. Potrebbero essere in arrivo ricompense inattese. Indica la chiusura di un ciclo.
A rovescio: spiacevole sorpresa, non prestate denaro, problemi sessuali.

15) Algiz. Purezza, incontaminatezza, protezione, preghiera, sacerdotessa. Periodo particolarmente favorevole. Avvertimento che riguarda i problemi che possono arrivare in futuro.

16) Sowulo. Sole, luce, protezione dal mondo sovrannaturale, successo. Grandi vittorie negli affari, o eccessivo superlavoro. Energia incanalata in una sola direzione che scaturisce tensione. Variate le vostre attività. Egocentrismo e mancanza di considerazione per il prossimo.

17) Teiwaz. La divinità del cielo luminoso e padre degli Dèi, maledizione, stregoneria, patti magici, motivazione. Una forte motivazione si associa ad una grande forza di volontà. Affronterete le difficoltà senza arrendervi.

18) Berkana. Betulla, l’albero sacro alla luna, inizio dell’anno a partire dal solstizio invernale dopo il grande freddo. La betulla era l’albero della rigenerazione. Rappresenta letteralmente il concetto di madre e figlio e, in senso metaforico, avere e coltivare nuove idee. Runa della nascita e simbolo di fertilità, della madre e dell’angelo del focolare. Possibili problemi familiari, infertilità, malattia. Consiglia di rivolgersi al medico.

19) Ehwaz. Il cavallo, presagio, avanzamento. Cambiamento in meglio. Il cavallo rappresenta i viaggi, e le rune estratte assieme ad Ehwaz indicheranno la natura del viaggio.

20) Mannaz. La generazione dell’uomo e della donna, il mondo dell’aldilà, intelligenza. Aiuto a portata di mano. Riceverete il consiglio di un professionista, avvocato o medico. Persone che condividono gli stessi ideali e che si uniscono per promuovere una causa positiva.

21) Laguz. Acqua, iniziazione magica, evocare gli spiriti, vaticinio, intuito. L’oceano è il mare immenso sotto il quale si cela il mondo dei morti, l’Ade. Quando esce Laguz bisogna fare attenzione ai pericoli della vita. Mente viva, intuito e intelligenza, natura artistica. Agire immediatamente per risolvere un problema.

22) Inguz. Protezione dell’unione familiare. Questa runa indica che è il momento di togliersi un peso dall’anima, dopodiché potrete ricominciare da capo con nuove energie e nuove idee. Incontro di due anime gemelle. Runa molto positiva, e solo con molte rune negative indica fallimento. Fine di una fase della vita e l’inizio di un nuovo periodo, un periodo di energia positiva e di fortuna.

23) Othilaz. Ultimo guardiano della soglia. È la fine del viaggio e l’ingresso nel regno degli Dèi, un nuovo sentiero di vita spirituale in arrivo, una illuminazione.

24) Dagaz. Giorno nella sua compiutezza, trasformazione. Conclude il ciclo iniziatico e il ciclo della generazione. Meditazione, specchio magico, presagio, strega, fantasma. Eredità, denaro.
A rovescio: ritardo e frustrazioni. Persona immobile sulle sue posizioni, meschina e chiusa. Con rune positive indica successo possibile, anche se non in questo momento. Siate pazienti.

25) Runa bianca (senza numero e senza disegno): è la Runa del Karma, del Destino. Se si leggono le Rune per una persona assente, essa ci indica che non ci è permesso chiedere informazioni su di lei. Situazione inattesa in arrivo. La soluzione alla nostra domanda è nelle mani del Fato e non possiamo far nulla fuorché attendere. Indica anche che stiamo proseguendo sulla strada della nostra personale elevazione.

Fonte  http://www.lacasadegliangeliedegliarcangeli.it/it/pensieri-utili/15-minuti-con-gesu-150b1-ita.html

Testimonianze storiche

Tacito

È storicamente riconosciuto che i popoli germanici adottavano varie forme di divinazione e mezzi per leggere i presagi. Tacito (Germania 10) ne dà un resoconto dettagliato (98 d.C.):
Attribuiscono la massima importanza al trarre gli Auspicia e al tirare a sorte. La consueta procedura con la sorte è semplice. Staccano un ramo da un albero in frutto e lo tagliano a strisce; queste vengono segnate con diversi simboli e poi lanciate a caso su un telo bianco. In seguito, il prete di stato, se si tratta di un consulto ufficiale, o il padre di famiglia, se si tratta di un consulto privato, offre preghiere agli dei e, rivolgendo lo sguardo in cielo, raccoglie tre strisce, una alla volta, e, a seconda del simbolo con cui erano state segnate, fa la sua interpretazione. Se la sorte vieta un'impresa, quel giorno non viene presa alcuna decisione sul tema in questione. Se invece la permette, è richiesta un'ulteriore conferma traendo gli Auspicia.[1]
Ci si chiede spesso se i "simboli" si riferiscono specificamente alle rune o ad altri segni, entrambe le interpretazione sono plausibili e Tacito non fornisce sufficienti dettagli per accogliere una decisione definitiva.[2]

Epigrafia


L'iscrizione sulla pietra di Kylvertermina con una runa legata impilata che combina sei rune Tiwaz utilizzate per invocare il dio Týr, più quattro rune Ansuz per invocare gli Æsir.[3]
Le rune Ansuz e Tiwaz, in particolare, sembrano aver avuto significati magici nel primo periodo del Fuþark antico. L'istruzione Sigrdrífumál del "chiama Týr due volte" ricorda le doppie o triple rune legate impilate di Týr, trovate, ad esempio, sul Seeland-II-C o sull'amuleto di Lindholm nella sequenza aaaaaaaazzznnn-b- muttt, che oltre al Týr impilato include la ripetizione multipla di Ansuz, ma anche una tripla occorrenza di Algiz e Naudiz.
Molte iscrizioni contengono anche enunciati privi di significato interpretati come canti magici, come "tuwatuwa" (Bratteati di Vadstena e Mariedamm), aaduaaaliia (DR BR42) o g͡æg͡og͡æ (Bratteato di Undley), g͡ag͡ag͡a (Kragehul I).

Risultati immagini per magia runica

Note

  1. ^ Birley (1999:42).
  2. ^ J. B. Rives, Germania By Cornelius Tacitus, Oxford University Press p. 166
  3. ^ Terje Spurkland, Norwegian Runes and Runic Inscriptions, Boydell Press, 2005, p. 16, ISBN 1-84383-186-4.

Nessun commento:

Posta un commento