venerdì 3 marzo 2017

Partito Nazionale Democratico. Riunire diritti sociali e diritti civili, e difendere i nostri confini.



In questo difficile momento storico, in Italia, esiste un'area politico-sociale che non è rappresentata dagli attuali partiti.
Mi riferisco a tutti gli elettori che hanno a cuore, nel contempo, la difesa dei diritti sociali (occupazione, previdenza, sanità, istruzione, assistenza sociale per i disabili e i cittadini che si trovano in condizioni di povertà, sostegno economico per le famiglie con figli o anziani a carico, sicurezza pubblica, territoriale e ambientale, infrastrutture) e la difesa dei diritti civili (libertà personale, certezza del diritto, garantismo nei procedimenti giudiziari, condizioni dignitose nelle carceri, libertà di pensiero e di opinione, libertà di espressione contro i tentativi di censura e di demonizzazione dell'avversario, laicità dello stato contro le intromissioni di ogni integralismo religioso o ideologico, libertà d'impresa economica, difesa della proprietà privata e del risparmio contro le tassazioni patrimoniali, libertà di scelta in materia di testamento biologico, legalizzazione dell'eutanasia, pari opportunità di genere, legalizzazione della prostituzione).
Per difendere nel contempo i diritti sociali e i diritti civili è necessario prima di tutto difendere i confini nazionali dalle migrazioni di massa, per evitare che le conquiste politiche e giuridiche del popolo italiano e della civiltà europea siano vanificate dalla presenza di comunità che a tali conquiste si oppongono con le parole e con i fatti.

Nessun commento:

Posta un commento